Homepage

L'home page è la vetrina del vostro sito: inserite in questa pagina le informazioni necessarie a descriverne lo scopo, i contenuti che i navigatori potranno trovare e la sua struttura, evidenziando le pagine contenenti le informazioni chiave.
Sostituire l'immagine con una vostra foto o quella della vostra società, oppure con una immagine dei prodotti o dei servizi offerti.

Palermo: infortunio Balzaretti

dopo lo scontro di gioco con eros pisano di ieri , Federico Balzaretti e' stato visitato oggi dal dottore sociale Roberto Matracia il numero 42 rosanero-informa la societa' di viale del fante- ha riportato un trauma distorsivo all' articolazione tibio-tarsica della caviglia sinistra.

il 7 luglio Balzaretti ha lavorato con la squadra a Malles , mentre nel pomeriggio lo staff medico rosaneo , ha preferito , a scopo precauzionale , far sostenere al teerzino un allenamento differenziato con piscina

liverani:difesa a 3 ? squadra non ci credeva


"La squadra in questi due anni ha lavorato in un certo modo e non poteva digerire altro tipo di calcio in pochi giorni? Certo, non era proprio possibile. Quando uno vuole per forza trasmettere un modulo ad una squadra ci vuole molto poco e tantissimo, la squadra deve credere in quello che fa, quella squadra purtroppo in modo giusto o sbagliato ha creduto ad un certo tipo di gioco e direi facendo anche bene visto i risultati ottenuti". Questo il pensiero di Fabio Liverani, intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it, sul cambio in panchina e nel modulo subito quest´anno dal Palermo a stagione in corso. "Ad un certo momento non è che uno può dire certe cose, specialmente il presidente che veniva al massimo una volta a settimana al campo, da cosa stabilisci che giocando a tre dietro è meglio? Il giocatore non ci crede, quello era il problema, l’allenatore bravo oltre che ad avere qualità è quello che entra e convince i giocatori di quello che stanno facendo, qualsiasi cosa sia, anche una cosa assurda, ma se un giocatore ci crede è perché l´allenatore è stato bravo ad entrare nella sua testa e allora fa tutto, ma se non si riesce e i giocatori non ci credono diventa un problema. La stagione era nata con questo modulo e bisognava cercava di essere un po’ più attenti, cercando di ottenere il massimo da questo tipo di gioco.

Miccoli?se decide il campo.......


Intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it, l´ex centrocampista del Palermo Fabio Liverani ha parlato anche del capitano rosanero Fabrizio Miccoli e della situazione delicata che ha vissuto in questi ultimi mesi. "Se credo nel suo rilancio e che si sia messo l´anima in pace? Credo voglia far bene, lui ha sempre avuto problematiche fisiche ma è un grande professionista, ha cercato di mettersi sempre a disposizione della squadra, è tornato da un infortunio al crociato e non è mai facile e io ne so qualcosa, ecco perché sono stato felicissimo di essere rientrato e giocare tutte partite fino alla fine. Lui ha avuto qualche problema in più due volte al tendine, ma a livello realizzativo credo sia stato un giocatore importante. Mi chiedo perchè sia sorto il problema legato a Fabrizio - ha proseguito il regista romano - , un calciatore non va in difficoltà se sa che qualsiasi scelta è dell’allenatore, il calciatore comincia a crearsi dei problemi e si innervosisce quando non è il campo a dirlo, se le cose sono scelte a priori, allora non è questo il calcio che da piccolino gli era stato spiegato e in cui ha sempre creduto".